giovedì 17 dicembre 2015

Wake me up

Ho sempre pensato che non c’è niente come la vista di un uomo alle otto del mattino, in giacca doppiopetto, la faccia ben rasata, la cravatta annodata e una valigetta sottobraccio, che beve in fretta un caffè a un chiosco arancione mentre i würstel girano già, lustri, su una griglia rovente.
Ho sempre pensato che non esiste una faccia come quella di una ragazza che, con il rossetto e le sopracciglia disegnate con cura, esce dalla metropolitana e cerca di arrivare in ufficio in orario.
Ho sempre pensato che non c’è niente di più triste che vedere la gente la mattina presto, quando va al lavoro.

[Alfred Hayes, Una forma di amore]